Recupero Guglia S. Cataldo

2021-05-06 23:09

Don Giuseppe Amato

Recupero Guglia S. Cataldo

La Parrocchia di San Cataldo si trova a Gangi, un Comune della Provincia di Palermo noto per la sua storia e il suo grande patrimonio artistico.Il 13

La Parrocchia di San Cataldo si trova a Gangi, un Comune della Provincia di Palermo noto per la sua storia e il suo grande patrimonio artistico.

Il 13 settembre a causa di un violento temporale un fulmine ha colpito la guglia maiolicata che sovrasta il campanile della Chiesa che risale come primo impianto alla prima metà del secolo del 1400 per per essere poi ampliata e modificata nel 1700. 

La Guglia maiolicata del campanile di San Cataldo è stata realizzata intorno agli anni 40 del secolo scorso. Le maioliche realizzate nello stazzone di Gangi
vecchio (non più esistente) dovevano essere inizialmente usate per la copertura della nuova cupola della Chiesa Madre di Gangi, in quanto la precedente copertura era stata colpita da un fulmine.

La cupola venne smontata negli anni 30 poiché lesionata e ricostruita in
cemento armato ricoperta da lastre di rame e non più in ceramica.
Le maioliche furono in parte utilizzate per realizzare la Guglia del campanile della
Chiesa di San Cataldo, altre furono utilizzate come riempimento di un terrapieno dietro la Chiesetta di Santa Lucia.

La Guglia di San Cataldo fu realizzata in forma conica, lo strato interno che funge da struttura portante è stato realizzato in calcestruzzo, mentre la parte visibile dall’esterno foderata con i mattoni maiolicati così da creare dei motivi geometrici su 42 righe sovrapposte. Le maioliche sono di diverso colore: bianco, giallo aranciato, manganese, verde ramina.

Il 13 settembre 2020, un fulmine ha colpito la Guglia provocando la caduta della croce sommitale, di una porzione di mattoni, circa un quarto di metro quadro, mentre per una buona parte non quantificabile, le maioliche si sono staccate dal supporto in calcestruzzo sottostante.

I mattoni staccati dal fulmine alcuni sono rimasti integri, altri si sono in parte frantumati. La Guglia è stata messa in sicurezza dai Vigili del fuoco al fine di contenere l’eventuale caduta di ulteriori mattoni maiolicati.

Il progetto di recupero ammonta a €5.000,00 + IVA. 

La Parrocchia non ha i fondi necessari per tale intervento che deve essere effettuato entro la prossima stagione invernale, altrimenti si corre il rischio di compromettere definitivamente non solo la Guglia che rientra tra quelle caratteristiche del territorio, ma anche l'interno della Chiesa e il campanile stesso a causa delle infiltrazioni.

Chiediamo a quanti hanno a cuore l'arte e la bellezza di darci una mano, ciascuno secondo le proprie possibilità perché possiamo restituire questo tassello al bellissimo mosaico artistico di quello che rimane uno dei Borghi più belli d'Italia.

 

Per una donazione clicca qui.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder